Pato è in forma solo che ...

Togliamo subito qualsiasi dubbio, Pato è in forma, basta leggere cosa scrive ieri il sito del Milan
riguardo all'allenamento:
La squadra rossonera si è ritrovata ieri alle 14.30 nello spogliatoio, per poi raggiungere il campo rialzato dietro la palestra, per il discorso iniziale di Carlo Ancelotti dopo il torello pre-allenamento, alle 15.00.

Nella prima mezz'ora si è svolta una esercitazione di possesso palla con due squadre di nove giocatori ciascuna, l'una contro l'altra, senza i portieri.

Poi, la tattica: una squadra con il portiere veniva attaccata da una squadra senza il portiere. Negli ultimi venticinque minuti di lavoro, invece, partitella a tutti gli effetti su metà campo con i portieri: durante il suo svolgimento, da segnalare le prodezze balistiche di Pato e Gilardino.

Il fatto è che giunto il momento cruciale della stagione e Ancelotti si è affidato a chi conosce meglio, ad un Pippo Inzaghi in forma straordinaria e con percentuali di ealizzazione fantastiche, ad un modulo senza fronzoli ben sapendo che accanto a Pirlo ci vogliono due centrocampisti solidi come Gattuso e Ambrosini, e il fatto di avere Seedorf e Kakà liberi dietro un'unica punta a svariare gli permette di avere fantasia nelle aperture, superiorità in mezzo al campo quando si possono avere anche 5 giocatori a centrocampo nessun punto di riferimento concesso agli avversari.
In sintesi anche Uefa.com indica la stessa conclusione:
I giovani sono importanti, è vero. Ma quando ci sono le partite che contano, l'esperienza è un valore aggiunto insostituibile. E così, nel derby di Milano vinto dall'AC Milan per 2-1, Roberto Mancini ha preferito schierare dal primo minuto Hernán Crespo anzichè la giovane stella Mario Balotelli, mentre Carlo Ancelotti ha optato per il veterano Filippo Inzaghi facendo accomodare in panchina il brasiliano Pato. E super-Pippo non ha tradito le attese.

Corsi e ricorsi
Con qualcosa come nove gol nelle ultime cinque partite, l'attaccante piacentino ha trascinato il Milan al quarto posto, e ora i Rossoneri hanno un punto di vantaggio sulla ACF Fiorentina quando mancano due giornate al termine del campionato. Già nella stagione 2001/02, Inzaghi era tornato a disposizione nella seconda parte della stagione e aveva portato i Rossoneri al quarto posto. L'anno successivo, Ancelotti avrebbe festeggiato la sua prima UEFA Champions League da allenatore. Ora, tutti i milanisti si augurano che la storia possa ripetersi.

'Molto motivato'
Nel giorno dell'aggancio al quarto posto, però, la soddisfazione è doppia, forse tripla in casa Milan. L'FC Internazionale Milano ha dovuto posticipare la festa Scudetto di almeno una domenica, e la vittoria nel derby davanti al proprio pubblico è un regalo dovuto ai tifosi che in questo campionato non hanno potuto avere molte soddisfazioni, soprattutto in casa. Ancora una volta, nel momento cruciale della stagione, Ancelotti ha preferito affidarsi all'esperienza di Inzaghi anziché puntare sul giovane Pato, e la scelta ha premiato, dato che il 34enne ha segnato il gol che ha sbloccato il risultato. "E' in una condizione ottimale, è molto motivato", ha detto Ancelotti dopo la partita.

Gioia Inzaghi
Anche Mancini ha optato per l'esperienza di Crespo dal primo minuto, lasciando in panchina Balotelli, e questo forse indica che nelle partite che contano di più, quando ci sono più pressioni, l'esperienza conta eccome. "Sono molto felice perchè questo è un periodo molto bello per me e per la squadra", ha detto Inzaghi. "Il modulo con cui stiamo giocando mi esalta molto e mi fa rendere al meglio".

'Dipende da noi'
Paolo Maldini, capitano ieri assente per infortunio, aveva detto che non riusciva ad immaginare un Milan senza Champions, e i suoi compagni hanno dimostrato sul campo di essere d'accordo con lui. I primi a gioirne sono stati i tifosi, che questa volta, a San Siro, hanno potuto festeggiare davvero. "Credo che oggi abbiamo regalato ai tifosi una grande soddisfazione", ha detto Inzaghi, uno dei beniamini della curva. "Ora per quanto riguarda il quarto posto dipende tutto da noi, dobbiamo subito pensare alla partita di domenica contro il Napoli che sarà molto importante".

Allora? ti piace questo sito su Alexandre Pato detto il Papero? Perchè non scrivi anche tu le tue osservazioni e le tue notizie? Basta farne richiesta lasciando una mail fra i commenti della pagina: contatti e messaggi oppure scrivere direttamente ad onami73@libero.it!

Facebook Twitter

0 commenti

Cerca per argomento